SARA FERRARIS

Scarica il contatto come vcard Foto

Docente a contratto e/o collaboratore didattico
Docente esterno e/o collaboratore didattico (INSTM)

+39 0110905768 / 5768 (DISAT)

Pagina web personale

Brevetti e altre proprietà intellettuali

Superfici di titanio modificate alla nanoscala per topografia e funzionalizzazione biologica, destinate al colletto di impianti dentali. Brevetto nazionale

Numero/i di priorità: 2015IT-TO05412

Autori

Abstract

Le superfici di titanio multi funzionali MimeTi facilitano l’osteointegrazione di dispositivi ortopedici e dentali, aumentando la produzione sia della componente minerale sia della matrice organica dell’osso. Le superfici MimeTi-plus sono specificatamente pensate per contrastare attivamente lo sviluppo di infezioni senza fare ricorso ad antibiotici e mantenendo le caratteristiche delle superfici MimeTi;

Rivestimenti antibatterici su dispositivi per oftalmoplastica. Brevetto nazionale

Numero/i di priorità: 2012IT-TO00512

Autori

Superfici di titanio multifunzionali per riduzione del rischio di infezione ed osteointegrazione. Brevetto nazionale e internazionale

Numero/i di priorità: 2011IT-TO00716

Autori

Cementi ossei compositi, osteoinduttivi e a rilascio di farmaci, per la chirurgia spinale transcutanea. Brevetto nazionale e internazionale

Numero/i di priorità: 2010IT-TO00401

Autori

Cementi ossei compositi a matrice di pmma contenenti vetri e vetroceramici bioattivi e antibatterici. Brevetto nazionale e internazionale

Numero/i di priorità: 2009IT-TO00518

Autori

Superfici di titanio multifunzionali per osteointegrazione. Brevetto nazionale e internazionale

Vedi la scheda su Knowledge Share

Numero/i di priorità: 2007IT-TO00719

Autori

Abstract

Le invenzioni proposte coprono una serie di trattamenti di superficie, adatti al titanio e alle sue leghe, finalizzati a migliorare la loro interazione con i tessuti biologici negli impianti biomedicali. I trattamenti proposti sono focalizzati su aree specifiche degli impianti, in contatto con i tessuti soffici o duri, e permettono di ottimizzare la loro interazione con il contesto biologico specifico. Inoltre, riducono il rischio di infezione senza l’uso di antibiotici.