CANDIDO PIRRI

Download the vcard Photo

Full Professor

Member of Interdepartmental Center (PolitoBIOMed Lab - Biomedical Engineering Lab)
Rector’s Advisor for the National Recovery and Resilience Plan - PNRR and Relations with Italian Ministries

+39 0110907355 / 7355 (DISAT)

Institute Institute of fundamental Physics and Materials for Nanotechnology
Research groups/teams MPMNT - Materials and Processes for Micro & Nano Technologies
Laboratories
Research projects

Funded by competitive calls

  • iENTRANCE@ENL - Infrastructure for ENergy TRAnsition aNd Circular Economy @ EuroNanoLab, (2022-2025) - Responsabile Scientifico

    PNRR – Mission 4

    ERC sectors

    PE8_6 - Energy processes engineering

    SDG

    Obiettivo 7. Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni

    Abstract

    The growth of the global population to over seven billion people, which has increased energy consumption and in turn natural resource depletion, pollution, waste disposal and anthropic CO2, has made “energy transition” and “circular economy” the essential challenges for the future. This Project of Research Infrastructure aims to develop a future generation of nanomaterials, processes and systems to limit the environmental impact of production, storage, distribution and use of energy from the perspective of a sustainable and circular economy. This is a research priority of all the most important international agencies, such as ONU, FAO, EU, WTO, whose strategic plans report “Energy Transition”, “Circular Economy” and “Sustainability” as a “planetary challenge” (https://un-energy.org/high-level-dialogue-energy, Clean energy transition is an EU priority: https://bit.ly/3LCtn7r, SET Plan Progress report 2021: https://bit.ly/3LF94Gs). Outside of Italy, Research Infrastructures devoted to energy transition research are already active or under implementation in all other industrialized countries.In Italy there are no Research Infrastructures of European excellence devoted to this mission. EuroNanoLab (http://euronanolab.eu), established in 2015, is a distributed technological research infrastructure consisting of over 40 state-of-the-art academic nanofabrication centers across Europe, with a vision to accelerate research in the micro- and nanotechnology sector by enabling an integrated knowledge base supporting scientific excellence and providing researchers a fast-track to results. The Italian node of EuroNanoLab (http://itfab.bo.imm.cnr.it) was established in 2017 with the aim to coordinate and empower the national ecosystem of micro- and nano-technologies, providing a fully multidisciplinary approach to create innovative solutions to societal challenges in the fields of energy, environment, transport, health, and wellbeing.Through this experience, CNR and co-proponents have been guided to focus EuroNanoLab research on new materials, processes, devices and systems for the clean energy transition, under the general umbrella of sustainability and the circular economy. All the industrial roadmaps suggest that in the near future, when all world energy will be produced from renewable and sustainable sources, devices for energy production, storage, green energy use and management will be the pillars of the new industry. Therefore, EuroNanoLab needs to grow to successfully address all the challenges around materials production and characterization, and devices and system integration. This will be accomplished by the present project, an “Infrastructure for Energy Transition and Circular Economy @ EuroNanoLab” (iENTRANCE@ENL) as a new Research infrastructure in the framework of the NextGenerationEU (NGEU) program proposed by the consortium.The new infrastructure will focus its research activities and services on four main topics: 1. Nanomaterials for energy; 2. Processes for material production and transformation to devices for green energy, green fuel production, energy storage, and energy management; 3. Micro and nanoscale characterization systems for functional and structural/mechanical properties and devices; 4. Technologies for the realization of devices and systems. In order to maximize impact, reduce costs and time of realization, and to cluster the NGEU investments, the new infrastructure will be based on geographical nodes, which are internationally recognized in complementary research domains of the initiative. The Bologna node, consisting of CNR in Bologna, Modena and Parma, and the University of Bologna, will specialize in advanced structural and functional characterization. The Torino node, comprising Politecnico of Torino and INRiM, will specialize in technologies for fabrication and packaging of innovative devices for energy production, storage, use and management, and for fabrication and calibration of sensor arrays for energy management with metrological primary traceability. The Roma node, comprising Sapienza University, University of Roma Tre and CNR, will specialize in chemical-physical-functional-mechanical characterization, battery and electrode applications, and materials and processes for photovoltaics. The Napoli node, with the participation of CNR, will specialize in analysis and development of materials, processes and technologies to improve the efficiency of conversion processes, and development and structural and functional characterization of composite materials. The Potenza node, with the participation of CNR, will specialize in the preparation, surface treatment, processing and characterization of materials for energy storage and conversion. The Catania node, with the participation of CNR, will specialize in power electronics and wide band gap semiconductor materials and applications. Overall, the infrastructure will provide opportunities for research excellence across materials for catalysis, electrodes, thermoelectrics, membranes, photovoltaics, and structural materials for combustion, hydrogen and marine renewables. It will provide top-level knowhow on micro- and nano-scale structural, compositional, optoelectronic, in-situ and in-operando characterization. Technologies and processes on power electronics, sensing, fuel cells, photovoltaics, batteries, supercapacitors, engines/combustion systems, waste valorization, (photo)catalysis, recyclability and durability of materials, new fabrication technologies with reduced environmental and energy impact, recyclability and durability of materials will be extensively covered.All topics will be integrated with a systematic implementation of the FAIR-by-design approach tailored to the experimental and theoretical data within the infrastructure. This will enable full integration and interoperability of the nodes, both for current resources and new acquisitions, and the building of the RI management and operational backbone. iENTRANCE@ENL will therefore be compliant to EOSC and fully address the Digital Goals of NGEU. The infrastructure will operate through a Central Hub acting as single-entry point and a unique catalogue of all the methodologies, technologies and techniques available within the consortium. All resources will be integrated and made fully interoperable in terms of access procedures, protocols and training, and will be organized in five Technical Groups of Services (TGS), (i) Materials Production, (ii) Characterization, (iii) Processes and Systems, (iv) Simulation & Modelling, (v) Data Services. These will be populated first with available resources from the different nodes, then integrated and brought to pan-European state-of-the-art excellence through NGEU investments, and continuously strengthened by in-house research activities. A central role in the implementation and operation of iENTRANCE@ENL will be played by its digital backbone, the e-infrastructure, that will consist of: (i) standardized process and methodology documentation format (in accordance with metadata structures recently developed within EU cluster actions, e.g. MODA and CHADA), (ii) process and methodology documentation and transfer; (iii) users and RI staff forums; (iv) e-learning materials; (v) simulation and characterization results and methodology. The data management within the e-infrastructure will be based on FAIR principles and the six main pillars of the Data Lifecycle: Creation, Processing, Analysis, Preservation, Access, Re-usability. Moreover, the participation of INRiM, which is the Italian National Metrology Institute, ensures the use of best metrological protocols for assessing the quality of data. In particular, the metrological traceability of these data with regards to primary references will be assessed, in order to ensure comparable measurements and hence more meaningful experiments, in a digital and interoperable way (see the initiative Metrology for Digital Transformation (https://www.euramet.org/publications-media-centre/event/metrology-for-digital-transformation/) by EURAMET, the European Association of National Metrology Institutes).The access policies will take into account Open Science best practices and the pivotal role of excellent science as well as the sustainability of the infrastructure. They will be governed by the Central Hub, which will operate under all three access modes as defined by the “Charter of Access to RI” (Excellence-driven Access, Market-driven Access, Wide Access). The users’ projects will be evaluated by a Technical Feasibility Committee (TFC) and an External Scientific Committee (ESC), before being distributed among the most suitable nodes of the RI. The management structure will be completed by a Technical Management Committee (TMC) that will monitor the development and execution of the users’ projects, identify mitigation actions in case of problems, and follow the outputs. The implementation of the infrastructure is organized in 2 phases: 1) Design and Implementation (M1-M18), to construct the operational and management backbone of the RI; 2) Ramp-Up (M19-M30), in which users can access the available resources, while acquisition and commissioning of the new equipment will be realized. The RI will then enter into the Full Operation phase at the end of the NGEU project. A careful risk analysis will be conducted, considering possible discontinuation of the access services during the Ramp-Up phase due to temporary unavailability of specific resources, that can be faced with appropriate redundancies, and the sustainability of the RI with the need to maintain the services provided at the state-of-the art. Moreover, training and outreach activities will be planned in the awareness that Europe and local ecosystems need more human resources to tackle pressing societal challenges. iENTRANCE@ENL intends to provide services that complement advanced academic education, as well as personalized training programs for Ph.D. students and early stage researchers. The fruitful synergy of iENTRANCE@ENL and the academic ecosystem is expected to boost research, growth, innovation and job creation, giving people the knowledge, skills and competences to critically use and benefit from scientific data.Once the infrastructure enters its Full Operation phase, Italy will finally have a one-of-a-kind, distributed, integrated and fully interoperable structure to perform clean energy transition research up to TRL 4 on the basis of devices for green energy and fuel production, energy storage and energy management. iENTRANCE@ENL will operate for at least 10 years after the completion of the NGEU project phase. A long-lasting Consortium Agreement between the co-proponents of the project will operate with the aim to establish a robust government and management structure ensuring continuous and smooth functionality of the infrastructure. Sustainability will be carefully addressed in terms of operational costs (e.g. running costs, maintenance, user support) and necessary upgrades of the instrumentation as a consequence of scientific advances. Strong connection with national and regional programs will be envisaged: the pivotal role within the national framework of universities and research institutions of all the co-proponents of iENTRANCE@ENL is an added value and a guarantee of sustainability and support, as well as of keeping the RI at the European state-of-the art. iENTRANCE will be one component of an integrated system of infrastructures and research and innovation programs realized in the framework of the NGEU program from academic and industrial research up to technological transfer in the area of clean energy transition, circular economy and sustainability, able to cover the entire value chain from low to high TRL. The system will foster Italian competitiveness, autonomy and sovereignty within the global challenges identified by the European Green Deal and the Missions of the Horizon Europe Framework Program, recently promoted by the European Commission, with priorities related to Clean Energy, Sustainable Mobility, Climate Action and Eliminating Pollution.Indeed, iENTRANCE@ENL can be fully integrated with the Partenariato Esteso 2 “Scenari Energetici del Futuro” (M4C2 action1.3 in the framework of NGEU) and the National Center “Sustainable Mobility” (M4C2 action1.4 in the framework of NGEU) where UNIBO coordinates the spoke “Materials”. Moreover, iENTRANCE@ENL is aligned and integrated with several of the Ecosistemi dell’Innovazione initiatives (M4C2 action 1.5 in the framework of NGEU), such as the “Just and Resilient Industry” project in Emilia Romagna on ecological transition. iENTRANCE@ENL will be fully integrated with the Innovation Infrastructures proposal in preparation in Emilia Romagna, Lazio, Piemonte and Sicilia. Moreover, the IR will complement and integrate the activities of projects supported by the “Fondo crescita sostenibile – MISE – Accordi per l’innovazione” with activities on advanced materials (2019) and with the European Climate-KIC and EIT Raw Materials.Although the main objective of iENTRANCE@ENL will be the support and promotion of low TRL research activities, process scale-up, technology transfer and industrial research will be carefully addressed. An effort to promote collaboration with companies and access by industrial users is foreseen, as well as strong integration and collaboration with the NGEU actions more related to innovation and industrial research (e.g. Regional Innovation Ecosystems and Infrastructures for Innovation). The strategic socio-economic impact of R&D activities on materials for sustainability, circularity and energy efficiency will be shared with and supported by companies in the field.The infrastructure will generate Intellectual Property in fields from materials, devices and systems in the areas of clean energy transition and circular economy, to newly developed methodologies, techniques and data solutions. The IPR management plan will be set up during the Design and Implementation phase and it will be managed and exploited for the lifetime of the infrastructure. iENTRANCE@ENL will also structure an internal roadmap for in-house research with the aim of developing methods, techniques and technologies beyond the state-of-the-art enabled by the investments foreseen, to empower the capabilities of the infrastructure beyond the end of the NGEU project. The overall objective is to promote the infrastructure’s long-term scientific sustainability, keeping its capabilities at the forefront of the methodologies needed to face the challenges of the energy transition and circular economy, and to continue to support national and European scientific excellence throughout the infrastructure’s lifetime. In addition, this will boost the competitiveness of the individual iENTRANCE@ENL partners as well as of the infrastructure as a whole in the national and European landscape, both in competitive projects and pan-European infrastructures. The iENTRANCE@ENL project will be organized in 7 work packages (WPs): WP1 for Management and Sustainability of the RI, WP2 for Coordination and Operation of the RI, WP3 for Digital structure and Data Management, WP4 for Access setup, management and provision for academic and industrial users, WP5 for Strengthening the Infrastructure capabilities, WP6 for In-house research for developments beyond the state-of-the-art, and WP7 for Training and Education.

    Departments

  • Nord Ovest Digitale E Sostenibile - INDUSTRY 4.0 FOR SUSTAINABLE MOBILITY AND AEROSPACE (Spoke 1), (2022-2025) - Responsabile Scientifico di Struttura

    PNRR – Mission 4

    ERC sectors

    SH2_8 - Energy, transportation and mobility PE8_1 - Aerospace engineering

    SDG

    Obiettivo 9. Costruire un'infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile|Obiettivo 12. Garantire modelli sostenibili di produzione e di consumo

    Abstract

    The Spoke 1 will focus on applied research and technology transfer related to the areas of sustainable mobility and aerospace. Such thematic areas are declined in the spoke in a broad sense, including the related enabling infrastructures, both physical and digital, and the digital transformation of the companies operating in the relevant supply chains.These two macro-thematic areas are characterised by a strong academic research legacy for Politecnico di Torino and Spoke Partners and a dense network of relationships with the industrial ecosystem.The macro- thematic areas have direct connection with 3 platforms set up by Politecnico di Torino and related to Manufacturing 4.0, 3D mobility and Aerospace, Circular Economy and Technologies for Sustainability (see Box 1). The three platforms have a clear development roadmap that, in addition to research activities with private firms and a strong commitment of governmental institutions, includes also physical infrastructures whose deployment will significantly re-design the local landscape for innovation. Università degli Studi di Torino, will complement the Platforms of Politecnico di Torino by sharing its research and technology transfer initiatives. In particular, two Interdepartmental Centres will be involved. The NIS Centre on materials research (https://www.nis.unito.it/) with its 7 departments, will coordinate the activities related to materials science and technologies. NIS has a long-standing tradition of high-profile internationally recognized research in the strategic field of materials and it aims at connecting interdisciplinary fundamental research with applied industrial research at all TRL levels, from the lab scale to the market. ICxT(https://icxt.di.unito.it/), was founded in 2014 with the aim of developing innovative IT and technological projects with private and public organizations. The focus of the center is offering a multidisciplinary approach to problem solving and innovative project development.

    Countries

    • ITALIA

    Departments

  • REDI, (2022-2027) - Responsabile Scientifico di Struttura

    UE-funded research - H2020 - Excellent Science - Marie Curie

    View project record on CORDIS

    ERC sectors

    PE8_1 - Aerospace engineering PE3_10 - Nanophysics: nanoelectronics, nanophotonics, nanomagnetism, nanoelectromechanics, etc.

    SDG

    Obiettivo 4. Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento per tutti|Obiettivo 13. Promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico*

    Abstract

    The RMIT European Doctoral Innovators (REDI) Program seeks to significantly boost research links between Europe and Australia by creating an international, multidisciplinary network of academic and non-academic partners to offer unique intercontinental and intersectoral doctoral training opportunities for ESRs.RMITs hub in Barcelona will lead a network of 24 Hosting Partners across 11 countries and more than 40 supporting industry Partners to offer 41 doctoral positions in a wide variety of research fields spanning business, arts and sciences. All positions are based in Europe and provide for 12-month secondments to RMIT University in Melbourne and shorter stays or engagements with Industry Partners. Partners were selected for their exceptional training and supervisory methods, materials, and facilities, so the REDI program may offer the best conditions and opportunities to its enrolled ESRs.The entire cohort of REDI ESRs and their Supervisors will also gather annually at a 5-day event in Barcelona to establish a community of multidisciplinary and multicultural researchers through their engagement in transversal skills and training workshops, cultural and social events, and the exploration of inter-sectoral and interdisciplinary collaborations for responsible research and innovation. They will also share best practices in innovative doctoral training, particularly international and remote co-supervision.The ESRs will graduate (most with two degrees) with a wealth of intersectoral skills, experiences and relationships that will catapult them into whichever research career they choose to pursue. The agreements signed within the network are expected to generate further co-supervised positions, with a target of 160 in total, meaning REDI will have a significant impact on linking the EU-Au research areas and creating long-term institutional relationships committed to implementing and sharing best practices in the international co-supervision of doctoral researchers.

    Departments

  • SILICON VALLEY 8.0 IN PIEMONTE FOR A GREEN AND SMART MOBILITY, (2021-2024) - Responsabile Scientifico

    National Research

    ERC sectors

    PE3_5 - Semiconductors and insulators: material growth, physical properties

    SDG

    Obiettivo 9. Costruire un'infrastruttura resiliente e promuovere l'innovazione ed una industrializzazione equa, responsabile e sostenibile

    Abstract

    “Il Progetto è organizzato attraverso 5 OR-Obiettivi Realizzativi, correlati tra loro e sequenziali, al fine di arrivare a definire i nuovi dispositivi di elettronica di Potenza finali oggetto di studio ed i loro processi di fabbricazione. Alcune attività sono ovviamente dedicate al particolare sviluppo di piattaforme tecnologiche e molte di esse sono correlate tra loro e prevedono l’utilizzo delle stesse risorse umane. Un esempio proviene dallo sviluppo dei nuovi moduli, che utilizzando fra i diversi componenti del package i chip di diodi di potenza al Silicio e al Carburo di Silicio, avranno una forte sinergia con le attività di definizione e implementazione di questi ultimi”.Nell’ambito del Progetto di Investimento, il Capofila mira alla “realizzazione di un nuovo impianto di produzione, moderno e avanzato, con una Piattaforma tecnologica fortemente innovativa che consentirà allo stabilimento di Borgaro Torinese di rafforzare ulteriormente la posizione di leadership all’ interno di Vishay Intertechnology e di posizionare i propri prodotti ai maggiori livelli di competitività nei mercati emergenti legati ai nuovi sistemi di conversione dell’energia, confrontandosi con l’agguerritissima competizione dei produttori asiatici. […] Con il progetto proposto la Vishay Semiconductor Italiana intende realizzare, in collaborazione con il Politecnico di Torino, due nuove linee tecnologiche innovative per i processi ed i materiali utilizzati dedicate una alla fabbricazione di CHIP innovativi, l’altra ad una nuova linea per MODULI di POTENZA entrambe indirizzate a soddisfare le nuove esigenze di efficienza, affidabilità e costo attese dalla transizione energetica in atto. Entrambe le linee tecnologiche si basano su processi e prodotti completamente innovativi che saranno progettati in accordo con le nuove tecnologie che il progetto rende disponibili.”. DISAT verrà coinvolto fin dai primi mesi nelle attività progettuali (a partire dall’OR1-Ricerca e Sviluppo di nuovi diodi di Potenza al Silicio), mediante, dapprima attività di Studio e definizione di specifiche tecniche oltre a Studi di fattibilità, e successivamente attività di ricerca applicata (prevalentemente) e sviluppo sperimentale. In particolare, il DISAT sarà coinvolto principalmente nell’OR4 – Ricerca Industriale finalizzato ad “implementare un laboratorio innovativo sullo scenario nazionale e di interesse su scala internazionale che possa completare l'interfaccia ed il packaging di diversi dispositivi elettronici con particolare riferimento ai dispositivi di potenza”.

    Departments

  • SMARTEST - Strumento di MisurA poRtaTilE e wireless per la rivelazione quantitativa di aflatoSsina M1 nel laTte, (2020-2022) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Piattaforme Tecnologiche

    Abstract

    il progetto prevede la messa a punto di sistema di misura versatile - adatto a LFS Lateral Flow Strip- di diversa origine, capace di eseguire misure quantitative a basso costo ed automatiche senza la presenza di operatori esperti, di aflatossina (AT) M1 all’origine, ovvero contestualmente al ritiro del latte in modo da permettere misure su tutti i lotti e non più a campione come oggi. Completamente automatico, quindi capace di performare indipendentemente dall’operatore e dall’ambiente e flessibile, ovvero capace di impiegare diverse LFS di diversi fornitori commerciali costituirà l’elemento mancante in grado di restituire misure in campo ed in tempo reale.Il progetto di filiera riguarda il consolidamento di una nuova tecnologia per strumentazione analitica rivolta in primis alla sicurezza alimentare applicata al latte -secondo una stima dell’UE del 2016 il 35 per centro del latte importato è contaminato da AT M1, che oltre ad essere uno degli alimenti fondamentali sotto il profilo nutrizionale, è anche la base per la produzione di numerosi derivati come formaggio, burro, yogurt, gelati, cioccolato che rappresentano un’eccellenza piemontese.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • INFORMATICA SYSTEM S.R.L.

    Departments

  • CAL.HUB.RIA (CALabria HUB per Ricerca Innovativa ed Avanzata), (unknown date-unknown date) - Responsabile Scientifico

    National Research

    ERC sectors

    LS4_6 - Cancer and its biological basis

    SDG

    Obiettivo 3. Assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età

    Abstract

    La presente proposta progettuale è presentata da una compagine di 15 soggetti proponenti: Università degli Studi di Catanzaro Magna Graecia- Soggetto Capofila-, Università della Calabria di Cosenza, l’Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria, Azienda Ospedaliero-Universitaria Mater Domini (catanzaro), Azienda Ospedale Pugliese-Ciaccio (Catanzaro), Azienda Ospedaliera del Grande Ospedale Metropolitano "Bianchi-Melacrino-Morelli" (Reggio Calabria), IRCCS SDN (Napoli), Università Campus Biomedico (Roma), IRRCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (Roma), IRCCS Centro Cardiologico Monzino (Milano), IRCCS Istituto Europeo di Oncologia (Milano), IRRCS Istituto Neurologico Carlo Besta (Milano), IRCCS Policlinico San Donato Milano, il Politecnico di Milano ed il Politecnico di Torino). Lo scopo principale di questo progetto è quello di creare, grazie al solido partenariato sopradescritto, il primo Hub Calabrese e del Sud d’Italia nelle “Scienze della Vita” per la Medicina Personalizzata, di Precisione e Rigenerativa nei settori della Farmaceutica, del Biomedicale e delle Biotecnologie denominato CAL.HUB.RIA. Tale HUB si svilupperà all’interno del Campus universitario di Germaneto, dove è ubicata l’Università Magna Graecia. Nell'organizzazione del partenariato, si è fortemente lavorato per il superamento della suddivisione territoriale, aggregando diverse Istituzioni allocate nel Centro-Nord del Paese con istituzioni allocate del Sud, questo per consentire di rafforzare le proprie competenze e svilupparne di nuove, di gestire e superare le problematicità, di avvalersi e condividere l'esperienza degli altri partecipanti. La solidità del partenariato qui rappresentato consentirà inoltre, di disporre di adeguate competenze di personale, di risorse finanziarie e strumentali, per il raggiungimento di obiettivi strategici del progetto. La suddivisione delle attività tra i partner è stata impostata anche sulla base di una equa suddivisione delle responsabilità. All’interno del partenariato vi è una forte attività di coordinamento in grado di garantire un efficiente avanzamento tecnico e finanziario del progetto nel rispetto dei termini previsti per la sua realizzazione. Si fornisce a seguire una descrizione di ciascuno dei soggetti proponenti.L’Università degli Studi Magna Graecia (UMG) di Catanzaro è composta da 4 Dipartimenti (3 di area medica e 1 di area giuridico-economica), 14 Centri di Ricerca e un Centro di servizio. E’ sede dell’unico Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia in Calabria. Sono attivi altresì, i corsi di Laurea in Farmacia, Biotecnologie, Ingegneria Biomedica, Sociologia, Psicologia, Giurisprudenza, Economia. Sono attivi 4 Corsi di dottorato di ricerca e n. 29 Scuole di specializzazione. L’UMG ha sede in località Germaneto su un’area di oltre 170 ettari, inserito in un contesto prestigioso, estremamente innovativo e tecnologicamente d’avanguardia. I diversi edifici che costituiscono il Campus Universitario sono strutturati in maniera tale da consentire al massimo l’integrazione dei diversi saperi. Gli edifici della Facoltà di Medicina e dell’area biomolecolare sono strettamente vincolati secondo il principio from-bench-to-bed. Le attività assistenziali trovano spazi e tecnologie avanzate per la diagnostica e per la cura delle principali malattie, integrandosi alla didattica e ricerca erogate presso le facoltà di Medicina e Chirurgia e di Farmacia dell’Università “Magna Græcia”. Nel Campus è, ospitata l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Mater Domini”: in questo modo, assistenza e ricerca procedono di pari passo garantendo innovazione tecnologica e servizi migliori. Il corpo docente può contare su circa 280 unità oltre agli specializzandi, dottorandi e assegnisti di ricerca. Nel Campus è inoltre presente il CNR con l’Unità Organizzativa (UOS) “Neuroimmagini” di Germaneto dell’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia Molecolare (IBFM) di Milano che svolge studi nel campo delle neuroimmagini delle malattie degenerative del sistema nervoso. Presso la UOS operano 20 unità di personale. L’attività di ricerca preclinica e clinica di UMG può essere suddivisa nei seguenti attività :a) Ricerca scientifica nel campo della biomedicina e delle biotecnologie applicate alla salute dell’uomo; b) Servizio di diagnostica molecolare di malattie genetiche, oncologiche e del metabolismo; c) Attività di ricerca clinica in campo neurologico, cardiologico, oncologico ed endocrino-metabolico; d) Servizi di alta tecnologia a supporto della ricerca biomedica basati su un Centro Interdipartimentale di Servizi costituito da diverse piattaforme tecnologiche avanzate; e) Attività di formazione (master, dottorati di ricerca, scuole di specializzazione). Funzionali allo svolgimento di questo progetto sono i 3 dipartimenti di area medica e il Centro di Neuroscienze.L’Università della Calabria (UNICAL), all’interno del progetto CAL.Hub.RIA. coinvolgerà nove differenti gruppi di ricerca, afferenti ai Dipartimenti di: Fisica, Chimica e Tecnologie Chimiche (CTC), Biologia Ecologia e Scienze della Terra (DIBEST), Ingegneria Meccanica, Energetica e Gestionale (DIMEG), Ingegneria Informatica modellistica e Sistemi (DIMES) e Farmacia e Scienze della Salute e Nutrizione (DFSSN). In aggiunta parteciperanno attivamente anche i gruppi afferenti al CNR-ITM e la facility di nuova generazione Star- Materia. I gruppi di ricerca coinvolti, svilupperanno attivamente parti degli Obiettivi Specifici OS2, OS3, OS7, OS9 e OS10. Tutte le unità impiegate saranno: Il Laboratorio di Psicologia, Scienze Cognitive e Modellazione, diretto dalla prof.ssa Eleonora Bilotta, struttura che si caratterizza per la sua attività fortemente interdisciplinare (Fisica); Laboratorio di Materiali, Tecnologie e Ricerca Avanzata (MaTeRiA), coordinato dal Prof. Riccardo Barberi (Fisica); Gruppo di Ricerca Coordinato dal Prof. Francesco Valentini (Fisica); Il Laboratory of Industrial and Synthetic Organic Chemistry, costituito dal Prof. Bartolo Gabriele e dalla Prof.ssa Raffaella Mancuso (CTC); L’ITM-CNR (Rende), con i gruppi di ricerca del Dr. Figoli e della Dr.ssa De Bartolo, subcontractor al progetto; Il gruppo di ricerca coordinato dal Prof. Flaviano Testa (DIMES), Prof.ssa Roberta Cassano (DFSSN), Prof. Luigino Filice (DIMEG); Il Laboratorio MSC-LES (Modeling & Simulation Center – Laboratory of Enterprise Solutions), coordinato dal Prof. Francesco Longo (DIMEG); Il gruppo di ricerca di Patologia Molecolare, Medicina di Laboratorio, Genetica Medica e Microbiologia, coordinato dal Prof. Sebastiano Andò, e comprendente i Proff. Stefania Catalano, Daniela Bonofiglio, Diego Sisci, Loredana Mauro, Ines Barone, Cinzia Giordano (DFSSN); Laboratorio di Fisiopatologia Cellulare e Molecolare Cardiaca, che rappresenta un’Unità Operativa dell’Istituto Nazionale di Ricerche Cardiovascolari (INRC),coordinato dal Prof. Tommaso Angelone e dalla Prof.ssa Maria Carmela Cerra.L'unità locale di UNIRC coinvolgerà nove gruppi di ricerca afferenti ai seguenti settori scientifico-disciplinari: FIS/01 (Fisica Sperimentale), ING-INF/03 (Telecomunicazioni), ING-INF/05 (Sistemi di Elaborazione delle Informazioni), MAT/03 (Geometria), MAT/05 (Analisi Matematica), MAT/07 (Fisica Matematica), MAT/08 (Analisi Numerica), SECS-S/06 (Metodi matematici dell'economia e delle scienze attuariali e finanziarie) e SECS-P/07 (Economia aziendale), oltre al laboratorio di Chimica e al Laboratorio di Materiali per la Sostenibilità Ambientale ed Energetica. I gruppi coinvolti si collocano all'interno del Dipartimento di Ingegneria dell'Informazione, delle Infrastrutture e dell'Energia Sostenibile (DIIES), del Dipartimento di Energia Civile, Energia, Ambiente e Materiali (DICEAM), del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Scienze Umane (DIGIES) e del Dipartimento di Patrimonio, Architettura e Urbanistica (PAU). L'unità locale darà un contributo negli obiettivi specifici OS3, OS7, OS9 e OS10 della proposta progettuale. Il gruppo FIS-01 è coordinato dal Prof. Giacomo Messina, professore ordinario. Il gruppo ING-INF/05 è coordinato dal Prof. Francesco Buccafurri, professore ordinario. I gruppi MAT/03, MAT/05 e MAT/08 sono complessivamente coordinati dalla prof.ssa Sofia Giuffrè, professore associato. Il gruppo MAT/07 è coordinato dal prof. Antonino Amoddeo, ricercatore universitario. Il gruppo SECS-S/06 è coordinato dal Prof. Massimiliano Ferrara, professore ordinario. Il gruppo SECS-P/07 è coordinato dal Prof. Domenico Nicolò, professore ordinario. Il Laboratorio di Chimica è coordinato dal prof. Andrea Donato, professore ordinario. Il Laboratorio di Materiali per la Sostenibilità Ambientale ed Energetica è coordinato dalla prof.ssa Patrizia Frontera, ricercatore universitario.Il Politecnico di Milano è la più grande scuola di architettura, design e ingegneria in Italia, secondo il Thompson Reuters QS Top University Ranking è al settimo posto in Europa e ventesimo al mondo nell’area Engineering and Technology. Conta circa 1300 professori e ricercatori strutturati, 40.000 studenti e 900 studenti di PhD.Si stima che circa il 30% del personale del Politecnico ha attività di ricerca che convergono sull’ambito della Salute, in modo saltuario o continuativo. Al CAL.HUB.RIA parteciperanno il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, il Dipartimento di Ingegneria Gestionale, il Dipartimento di Matematica, Il Dipartimento di Ingegneria Chimica, Materiali e Chimica Industriale e il Dipartimento di Meccanica con competenze nell’ambito delle infrastrutture digitali e smart, della gestione della ricerca, della informatica, della bioinformatica, dell’Intelligenza artificiale e della biostatistica, della bioingegneria e delle biotecnologie, delle nano e micro tecnologie, e della chimica organica e farmaceutica.Il Politecnico di Torino promuove, coordina e gestisce ricerca, trasferimento tecnologico e servizi al territorio (nelle sue sedi di Torino, Alessandria, Biella e Chivasso) negli ambiti delle nanotecnologie, della ingegneria biomedica, della chimica, della scienza dei materiali, coprendo l’intero campo delle competenze dal concepimento di nuovi processi, allo sviluppo sperimentale e modellistico, all’applicazione industriale. Le infrastrutture di ricerca operante sui temi del presente progetto sono dislocati in diversi siti e laboratori: PolitoBIOMedLab (http://www.biomedlab.polito.it), un laboratorio interdipartimentale finanziato da Politecnico e dalla Regione Piemonte la cui missione è promuovere la ricerca su temi medicali e sul benessere dei cittadini; l'infrastruttura di ricerca PIQUET (https://piquetlab.it) e Chilab (www.polito.it/micronanotech), dove sono disponibili strumenti ad alta tecnologia dedicati alla caratterizzazione e realizzazione di nanomateriali e micronanodispositivi e funzionalizzazione superficiale in camera bianca per l'implementazione di processi tecnologici alla micro e nanoscala per applicazioni biologiche. Le keywords relative a queste infrastrutture sono: Microfluidics for drug synthesis3D printed Organ-on-a-Chip for Personalized Drug testingSmart-3D platforms for Organoid studyMicrosensors and Lab On a Chip for micro-nanotechnological solutions for liquid biopsy and breath biopsy, 3D printed Organ-on-a-Chip for Personalized medicineSmart-3D platforms for Organoid studyMicrofluidics for drug synthesis and test; study of drug intercalant in DNA, for cancer treatmentsAdvanced sensor platforms for fast single molecule detection from protein to DNAAdvanced imaging facility ottico ed elettronico (TEM, SEM e dual beam per la preparativa di campioni bio-tissutali) combinato con diverse spettroscopie per l'indagine chimico fisica di campioni di interesse biomedico.Progetti peer-rewieved (LATEMAR - FIRB 2003-2004 www.latemar.polito.it, NEWTON - FIRB 2010, NANOMAX – Progetto Bandiera 2010).Il Policlinico San Donato IRCCS (PSD) è un ospedale generale dotato di tutte le principali discipline cliniche, focalizzato nello studio e nel trattamento delle malattie del cuore e dei grandi vasi, attraverso un diffuso approccio multidisciplinare e dedicato alla formazione professionale di alta specialità. L’Istituto è sede didattica delle Facoltà di Medicina e Chirurgia e di Scienze Infermieristiche dell’Università degli Studi di Milano, di alcune Scuole di Specializzazione medica e centro di formazione per numerosi medici stranieri. In particolare, il Dipartimento Cardiovascolare “Edmondo Malan”, comprensivo di tutte le specialità medico-chirurgiche cardiovascolari, che ha curato con successo centinaia di migliaia di pazienti provenienti da tutta Italia e da ogni parte del mondo, realizzando oltre 53.000 interventi al cuore.Nel 2006 il Ministero della Salute ha conferito al PSD il riconoscimento come IRCCS per lo studio e la cura delle “Malattie del cuore e dei grandi vasi nell’adulto e nel bambino”.Le attività di assistenza e ricerca dell’IRCCS accompagnano i pazienti per tutta la durata della vita, dalla fase pre-natale alla riabilitazione cardiologica post-operatoria. I progetti di ricerca sono particolarmente orientati alla traslazionalità e vedono l'intersezione di expertise di tipo clinico, biomolecolare, bioingegneristico e di imaging avanzato. La sindrome coronarica acuta, lo scompenso cardiaco, le patologie valvolari, la sindrome di Marfan, la Distrofia Miotonica, la Sindrome di Brugada, le patologie cardiache congenite, le malattie dell’aorta e quelle cardio-metaboliche sono tra le principali aree di studio dell’IRCCS. La ricerca clinica è strettamente interconnessa con la ricerca traslazionale che include una moltitudine di approcci, dalle colture cellulari, ai modelli animali, alla modellistica computazionale, allo studio di campioni derivati da pazienti; particolare attenzione è dedicata all' approccio genomico, epigenomico e trascrittomico. Il PSD è inoltre parte attiva di network pan-europei quali per esempio CardioRNA, COVIRNA e CHAIMELEON.L’Istituto Europeo di Oncologia è un “comprehensive cancer center”, centro di eccellenza della ricerca biomedica in Italia, con expertise di ricerca fondamentale, traslazionale e clinica. E’ accreditato dal sistema sanitario nazionale (IRCCS, istituti di ricovero e cura a carattere scientifico), è stato premiato dalla fondazione Bertlesmann come uno dei sei migliori ospedali nel mondo (primo fuori dagli Stati Uniti) per il trattamento dei pazienti; è accreditato dalla joint commission international (primo centro fuori dagli Stati Uniti), è accreditato da ESMO per i suoi elevati standard nell’integrazione della cura palliativa nell'oncologia medica. La missione dello IEO è quella di promuovere la prevenzione, la diagnosi e il trattamento attraverso l’interazione con la ricerca e l’attenzione agli approcci più innovativi. Le attività di ricerca di base e traslazionale sono condotte al dipartimento di oncologia sperimentale (DEO), supportate da unità tecnologiche fornite di strumentazione d’avanguardia e gestite da personale qualificato.Nell’ambito di questo progetto, IEO fornirà la sua expertise consolidata nel settore della ricerca sul cancro - in particolare sul melanoma (Lanfrancone), nel campo della disseminazione metastatica (Pelicci), del microbioma (Nezi) e del self-renewal (Mapelli) - e della manipolazione di innovativi modelli tumorali preclinici in vivo ed ex vivo in grado di ricapitolare fedelmente l’eterogeneità che caratterizza i tumori (PDX, organoidi).Il Centro Cardiologico Monzino (CCM) annovera tra le proprie competenze lo sviluppo e validazione in laboratorio di prodotti medicinali per terapie avanzate (Advanced Therapy Medicinal Products) per la rigenerazione tessutale cardiaca, tra cui terapie cellulari (es. cellule staminali adulte autologhe o allogeniche) per patologie degenerative ischemiche e degenerative refrattarie ai trattamenti convenzionali, e terapie geniche per malattie a base genetica prive di terapia eziologica. CCM possiede tutto il know-how per l’implementazione di standard operative procedures (SOPs) conformi con le norme di good manufacturing pratice (GMP) e di per la preparazione di IMPD per la finalizzazione di protocolli clinici pilota proof-of-concept per la valutazione della sicurezza ed efficacia preliminare di prodotti medicinali per terapie avanzate ad uso cardiovascolare, sulla base dell’esperienza accumulata ad oggi con la sperimentazione clinica di fase I RECARDIO, primo ed unico studio in Italia approvato dall’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) per l’uso autologo di un prodotto di terapia cellulare nel contesto della cardiomiopatia ischemica refrattaria. CCM è inoltre parte attiva di network internazionali quali per esempio CA19105 LipidNET- Pan-European Network in Lipidomics and EpiLipidomics, MASSTRPLAN (MASS Spectrometry Training network for Protein Lipid adduct Analysis), nell’ambito del Programma di Ricerca Horizon 2020, il progetto Proteoma mitocondriale (mt-HPP), che si inserisce nel progetto mondiale Chromosome-centric Human Proteome Project (C-HPP), che si prefiggono l’obiettivo di identificare mediante le Scienze Omiche biomarcatori utili in campo clinico.Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, centro di eccellenza nazionale ed internazionale nel campo delle neuroscienze (neurologia, neuropsichiatria infantile, neurochirurgia e malattie rare, adulto e bambino) sia per l’assistenza che per la ricerca clinica e preclinica. Riferimento nazionale e regionale per patologie rare. OS1 Terapia Cellulare CAR-T e TILs per il trattamento del GBM. Si occuperà di modelli preclinici per valutare l’efficacia dei CAR-T,misurando la capacità di riconoscere ed eliminare cellule tumorali esprimenti l’antigene target e di creazione di modelli preclinici per valutare il grado di sicurezza dalla molecola CAR, e la specificità di riconoscimento nei confronti delle cellule tumorali. Esperienze: studi sugli aspetti traslazionali legati alla sperimentazione clinica in neuroncologia (GBM). OS2: modello in vitro 2D/3D generati da iPSCs, per indagare meccanismi patogenetici e testare approcci terapeutici in malattie neurodegenerative rare causate da disfunzione mitocondriale. Focus su meccanicistica della disfunzione mitocondriale nelle cellule/nei tessuti bersaglio e di testare le opzioni terapeutiche disponibili (repurposing). Esperienze: generazione/caratterizzazione di modelli murini e di cellule iPSC e loro differenziamento. Know-how specifico trattamento farmacologico o terapia genica di modelli animali e cellulari. OS3 si occuperà di SLA. Approccio nano-terapeutico (con Polimi) basato sulla manipolazione di microRNAs. Esperienze: riferimento studi sulle malattie del motoneurone. Analisi dei miRNA in tessuti, fluidi biologici, cellule umane ed animali. OS6 studi di immunoterapia con Cellule Dendritiche. Focus l'effetto del trattamento sulle cellule effettrici comprese le cellule TCD8, le cellule natural killer e cellule TNatural Killer. Esperienze: Cell Factory dal 2010, per la produzione di CD per il trattamento di pazienti affetti da GBML’IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) è un Comprehensive Cancer Center e tra le attività finanziate dal Ministero della Salute emerge quella dell’Immunoterapia. Gli obiettivi sono: migliorare la conoscenza dei meccanismi immunologici antitumorali; dei processi di immunoevasione, inclusi quelli mediati dal microambiente; ottimizzare la generazione di vaccini, di cellule T ingegnerizzate e l’impiego di nuove molecole e strategie immunomodulanti. L’IRE si avvale di una piattaforma di monitoring immunologico citofluorimetria a flusso a 12 colori (BD FACS Celesta e Melody Cell Sorter), e fa parte di network internazionali per la standardizzazione e validazione di tali metodiche. Ha creato un team di immunoinformatica per la gestione di Big and Open Data e fa parte del nucleo di rete di Health Big Data di ACC. L’IRE si avvale del più grande parco tecnologico genomico della regione Lazio (Illumina Novaseq 6000, Illumina NextSeq 550, Illumina Miseq, Ion Gene Studio S5 Prime, Nanostring nCounter, 10x Genomics Chromium, Menarini DepArray, DB Rhapsody, GeoMx Digital Spatial Profiler). Presso l’IRE è presente una Banca Oncologica di Istituto (BBIRE) con certificazione ISO 9001:2015. IRE fa parte della Rete Nazionale dei Tumori Rari (RNTR) ed è Centro di Riferimento del progetto Europeo EURACAN (EUropean RAre CANcers).Presso l’IRE sono stati istituiti: il Comitato Etico; il Centro per gli Studi di Fase1-Early Phase; la UOSD Clinical Trial Center, Biostatistica e Bioinformatica che fornisce consulenze statistiche per la stesura dei protocolli di studi osservazionali ed ‘interventistici’ nelle diverse fasi di sperimentazione in termini di disegno dello studio, tipo di randomizzazione, calcolo della dimensione campionaria, definizione schede raccolta dati (CRF). E’ attivo un accordo quadro con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma finalizzato alla collaborazione di protocolli di immunoterapia e terapia cellulare, inclusi quelli che utilizzano CAR-T.L’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Mater Domini” (AOU-MD), unica struttura ospedaliera universitaria della Calabria, rappresenta una struttura sanitaria di elevata qualificazione e di alta specializzazione. In virtù della sua stretta integrazione con il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia di UMG le cui attività di didattica e ricerca sono inscindibilmente connesse con l'attività assistenziale, essa fornisce un fondamentale strumento di formazione ricerca, didattica e assistenza per le attività che si esplicano all’interno di UMG (scuole di specializzazioni, dottorati di ricerca e popolazione studentesca ecc.). L’AOU-MD è dotata di 46 U.O.C. fra cui vanno annoverate: i) l’U.O. complessa di Neurologia, che ha dato contributi significativi nel campo del neuroimaging dei disordini del movimento, con particolare riguardo alla malattia di Parkinson, all’epilessia, alle cefalee e alla sclerosi multipla; ii) l’U.O. complessa di Cardiologia, che ha avviato un programma per la terapia delle cardiopatie strutturali con impianto percutaneo della valvola aortica, interventi per la riparazione percutanea della valvola mitralica, e un’ampia attività di ricerca nel campo dell'ischemia miocardica, dello scompenso cardiaco e delle cellule staminali cardiache; iii) l’UO complessa di Oncologia Medica, la cui attività è finalizzata alla sperimentazione clinica in studi controllati di nuovi farmaci, resi disponibili sulla base di reti e progetti di collaborazione internazionali. Il quadro sopra descritto è completato dalla presenza di una Breast Unit che eroga interventi per tumore primario della mammella il cui trattamento viene completato anche mediante ricostruzione in chirurgia plastica.L’AOU Mater Domini parteciperà alla presente proposta con le UU.OO.CC. di Oncologia Medica, Cardiologia, Neurologia e Biochimica Clinica.Nell'ambito della presente proposta progettuale, l'AOU-MD parteciperà all’Obiettivo Specifico 1 con reclutamento pazienti, raccolta e conservazione del materiale biologico.L'Azienda Ospedaliera Pugliese-Ciaccio di Catanzaro (AOPC) è Azienda di rilevanza nazionale, sede di DEA di II Livello ed Ospedale HUB dell'Area Centro con alte specialità. L’AOPC eroga le prestazioni assistenziali con un approccio multidisciplinare, utilizzando percorsi diagnostico terapeutici assistenziali con dotazioni di tecnologie diagnostico-terapeutiche avanzate.L'Azienda costituisce riferimento per le attività specialistiche di aziende limitrofe alle quali offre prestazioni di elevato contenuto specialistico. Svolge inoltre attività di ricerca orientata a sviluppare procedure diagnostiche e terapeutiche innovative e a favorirne il rapido trasferimento applicativo attraverso attività formative organizzate al suo interno.Ai fini del contributo per la realizzazione del Progetto, è importante evidenziare la presenza del Dipartimento Oncoematologico che raggruppa le UU.OO. di Oncologia, Ematologia, Oncoematologia Pediatrica, Radioterapia e Laboratori specialistici ad indirizzo oncoematologico. Esso è caratterizzato da forti elementi di integrazione sul piano diagnostico, clinico e terapeutico, garantendo anche trattamenti di terapia sub-intensiva e radioterapici.Relativamente all'area cardiologica si segnala la vocazione della stessa al trattamento di pazienti ad alta complessità attraverso le strutture di Emodinamica interventistica e per l'impiantistica di device di ultima generazione, defibrillatori e dispositivi medici di ultima generazione, con possibilità di impiego anche sperimentale di tecniche innovative. A queste competenze si affiancano quelle dell'area neurologica e neurochirurgica, supportate da una stroke unit di II livello con una neuroradiologia interventistica di recente attivazione che garantirà in loco il trattamento di patologie acute con l'impiego di tecnologie di ultima generazione.Il quadro sopra descritto è completato dalla presenza di una Breast Unit che eroga oltre 150 interventi per tumore primario della mammella con associata radioterapia.
  • "Componentistica per Sistemi Propulsivi di Nuova Generazione per lo Spazio / PIedmont Space Components", (2019-2022) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Abstract

    Il progetto si prefigge l’obiettivo di innovare il motore criogenico di Vega E, attraverso lo sviluppoe la realizzazione di diverse soluzioni tecnico/scientifiche.La prima realizzazione è orientata ad una sensoristica innovativa per la misura di pressioni,temperature e vibrazioni con l’obiettivo di realizzare componenti meccatronici miniaturizzati,capaci di estendere attraverso l’applicazione di un numero più elevato di sensori, la diagnostica delmotore criogenico e la sua riutilizzabilità per diversi lanci (in risposta alla tendenza introdotta inUSA dalla Soc. Space-X). Questa innovazione potrà anche essere applicata all’intero lanciatore, non confinando l’utilizzo di questa sensoristica esclusivamente al componente motore.La seconda realizzazione è relativa all’evoluzione delle attuali valvole criogeniche per il motoreVega, elementi critici per il controllo del flusso del comburente, da cui dipende la erogazione dellapotenza e della spinta del motore stesso. L’obiettivo dell’innovazione del prodotto mira a sostituirele attuali valvole, strutture molto pesanti e complesse, con nuovi componenti che, grazieall’impiego di nuovi materiali nanotecnologici e possibilmente anche delle tecnologie di “additivemanufacturing”, garantiscano la riduzione delle dimensioni e del peso.La terza realizzazione è collegata al processo produttivo che ad oggi è localizzato presso il sito diRivalta, attualmente passato alla proprietà di GE Avio s.r.l. Questo processo deve essere innovatoin una ottica di verticalizzazione della produzione e di allargamento del valore aggiunto. Infatti,esso non può più far conto su mezzi e competenze di GE Avio s.r.l. ed il nuovo motore di Vega Eutilizzerà componenti più innovativi quali le elettrovalvole di regolazione per metano criogenico,che sono componenti di complessità uguale a quella di una turbopompa.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • AVIO S.p.A.

    Departments

  • FOOD DRUG FREE - Sviluppo di una piattaforma tecnologica miniatutizzata portatile per l'identificazione di farmaci nei prodotti alimentari., (2019-2021) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Piattaforme Tecnologiche

    Abstract

    Il miglioramento dei sistemi di controllo ed autocontrollo passa necessariamente attraverso lo sviluppo di sistemi diagnostici rapidi, multi-residuo, applicabili in campo, che permettano l’identificazione contemporanea di residui anche in dosi molto piccole, garantendo l’identificazione precoce e quindi l’eliminazione dalle catene produttive di materie prime contaminate, che possono rappresentare un rischio per la sicurezza del consumatore.Parallelamente si affronta anche il tema della tracciabilità della filiera: nel mercato agroalimentare odierno la difficoltà nel certificare l’origine e la qualità di un prodotto è un problema del consumatore tanto quanto delle aziende di produzione e trasformazione facenti parte della filiera, che grava sul business e sull’autenticità dei prodotti agricoli.Il progetto, con l’utilizzo della tecnologia Blockchain, mira ad introdurre un’innovazione tecnologica in grado di garantire in totale trasparenza l’intera tracciabilità delle 3 filiere esaminate (uova, latte e miele), consentendo di certificarne la qualità, la provenienza e la filiera nel suo insieme, assicurando la massima trasparenza e valorizzando il lavoro agroalimentare di qualità. L’acquisizione dei dati e la loro elaborazione, grazie a logiche di machine – learning, permetterà azioni mirate e tempestive per intervenire nelle varie fasi dei processi produttivi.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • INFORMATICA SYSTEM S.R.L.

    Departments

  • Digitai tEchnology For Lung Cancer Treatment, (2018-2021) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Piattaforme Tecnologiche

    Abstract

    con il progetto DEFLeCT si intende realizzare una piattaforma scientifico-tecnologica innovativa finalizzata al supporto della diagnosi e della cura del tumore al polmone, utilizzando quale caso-studio il carcinoma polmonare a non piccole cellule (NSCLC), in quanto è il più frequente tipo istologico e sottoposto a resezione chirurgica di routine allorquando identificato in stadio precoce.DEFLeCT integrerà le consolidate pratiche diagnostiche per il NSCLC con innovativi approcci genetico-molecolari, all’interno di una piattaforma digitale in grado di armonizzare e valorizzare il contenuto di tutte le informazioni provenienti da diverse fonti, applicando modelli statistici e quantitativi. DEFLeCT sarà in tal senso un ambiente orientato alla medicina del futuro, basata su trattamenti personalizzati e rivolti ai danni molecolari patogenetici e che pertanto si basa sulla valorizzazione di vari tipi di dati e informazioni e sulla loro integrazione.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • AIZOON SRL

    Departments

  • CO2 Circle Lab, (2018-2021) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Abstract

    La gestione delle emissioni di CO2 di origine antropica nell’atmosfera è certamente una sfida attuale, ma èanche un potenziale e straordinario promotore di innovazione, sia a livello di ricerca che di sviluppotecnologico ed industriale. Nell’ottica di un’economia sostenibile, IIT e Politecnico di Torino propongono ilpotenziamento dei laboratori preesistenti presso Politecnico di Torino e Environment Park, attraverso laconfigurazione di una infrastruttura (IR) che promuova l’incontro tra ricerca fondamentale e applicata,attivando e consolidando collaborazioni di alto valore scientifico e tecnologico con molteplici settoriindustriali. L’IR si focalizzerà sullo sviluppo di processi biotecnologici, elettrochimici e termochimiciinnovativi, per la formazione di prodotti ad elevato valore aggiunto da materie prime rinnovabili (CO2,biomasse), garantendo una gestione dei processi sostenibile, ricorrendo alla modellizzazione di scenari peruna solida analisi delle strategie energetiche.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • FONDAZIONE ISTITUTO ITALIANO DI TECNOLOGIA

    Departments

    • Ricerca
    • Trasferimento Tecnologico e Relazioni con l'Industria
  • Piemonte Quantum Enabling Technology, (2018-2021) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Abstract

    Nell’ambito delle tecnologie abilitanti (KET), le emergenti tecnologie quantistiche, evoluzione dellenanotecnologie, sono per l’industria una robusta occasione di crescita e innovazione su un’ampiagamma di settori.PiQuET è una facility tecnologica che razionalizza e potenzia le dotazioni esistenti, le mette a fattorcomune del territorio, agisce orizzontalmente sulle filiere industriali del Piemonte strategiche nellaS3 per un incremento competitivo e di produttività.L’IR opererà su settori sinergici: sviluppo di materiali, dispositivi e sensori micro/nanostrutturati,microfotonica e comunicazione quantistica in fibra, sviluppando sistemi innovativi per l’industria epermettendo anche reti di sensori avanzate e sicure.L’IR sarà unica in Italia, per competenze delle OdR proponenti e perché mette in comune impiantidi ricerca verso una collaborazione permanente tra OdR-industria, con take-up industriale,attenzione ai brevetti e un piano industriale che crei anche nuova occupazione.

    Countries

    • ITALIA

    Departments

    • Ricerca
  • Filiera produttiva dispositivi polimerici Smart 3D, (2018-2021) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Piattaforme Tecnologiche

    Abstract

    Il progetto si occuperà dello sviluppo di materiali e soluzioni tecnologiche di stampa 3D per la messa a punto di dispositivi su misura per il controllo qualità delle schede elettroniche.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • SPEA ENGINEERING SPA

    Departments

  • SUPERCAPACITOR - Integrazione di sistemi di produzione e accumulo di energia per piattaforme sensoristiche in sistemi remoti outdoor, (2015-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Abstract

    Il Politecnico di Torino- DISAT, si occuperà principalmente della definizione delle specifiche elettriche delle celle solari, della definizione delle specifiche elettriche dei supercapacitori e dello studio della configurazione tecnica/elettrica di integrazione dei sistemi di produzione ed accumulo di energia. Inoltre PoliTO svolgerà le prime caratterizzazioni elettriche dei singoli dispositivi adatti ad essere integrati all’interno della piattaforma sensoristica remota oggetto del presente studio.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • INFORMATICA SYSTEM S.R.L.

    Departments

  • 3DPRINTING - Il potere della produzione additiva”/Acronimo 3DPrinting, (2015-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Abstract

    Le tecnologie per la produzione additiva, pur se utilizzate da oltre due decenni nella prototipazione rapida, sono entrate solo da pochi anni nelle attività di produzione di macchine industriali o parti di esse. Si tratta di tecnologie in rapida evoluzione per quanto riguarda sia i materiali utilizzabili, sia le dimensioni degli oggetti realizzabili, sia i tempi di produzione. Con lo studio di fattibilità che si intende intraprendere si vuole verificare se la progettazione e produzione di particolari meccanici, facenti parti di macchine industriali, realizzati con fabbricazione additiva, permette:a) di ridurre i costi di produzione sostenuti utilizzando produzioni tradizionali, con cui vengono realizzati attualmente i particolari meccanici, oggetto dello studio di fattibilitàb) di valutare l’uso di materiali diversi da quelli utilizzati attualmente (alluminio e vetronite) per verificare se s si possono mantenere le stesse caratteristiche fornite dai materiali tradizionali, i quali offrono rigidezza, masse ridotte, smorzamento vibrazioni e sono conduttivi e isolantic) di valutare l’uso di materiali lavorabili sia con la fabbricazione additiva, sia con produzioni tradizionali

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • SPEA S.P.A.

    Departments

  • AMMEBIO - Additive manufactoring alla microscala su elastomero biocompatibile, (2015-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Abstract

    PoliTo sarà responsabile delle principali attività di processing tecnologico per la messa a punto dei parametri ottimali per la reticolazione controllata del PDMS (Poli DiMetil Silossano) UV rcticolabile (PDMS-UV). Mediante tecnologie da camera pulita (che costituiscono la più solida competenza nel bagaglio di know-how del Laboratorio), si individueranno le condizioni (tempo, densità di energia, focalizzazione del fascio irradiante, ... ) ottimali per la reticolazione del PDMS-UV e per l'ottimizzazione della risoluzione attesa. PoliTo sarà inoltre responsabile delle caratterizzazioni dimensionali, topografiche e strutturali del polimero reticolato alla microscala e curerà il trasferimento dei dati di processing (reticolazione) per la messa a punto del sistema di micro-stereolitografia sul PDMS-UV.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • MICROLA OPTO ELECTRONICS SRL

    Departments

  • LOCforCELL - Lab on a chip per analisi e stimolazione di aggregati cellulari tumorali, (2015-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • TST S.p.A.

    Departments

  • FILGREEN - Filati a base grafene per l'immagazzinamento di energia, (2015-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Abstract

    PoliTo sarà responsabile del design del dispositivo per l'inunagazzinamento di energia e delle caratterizzazioni elettriche utili a verifica me le performance di supercondensatore integrabile in tessuto. In particolare l'attività di ricerca riguarderà:(i) la definizione delle specifiche elettriche del filato,(ii) lo studio della configurazione tecnica/elettrica del filato,(iii) i test di laboratorio per valutare le proprietà chimico-fisiche ed elettriche dei materiali sviluppati dai partner,(iv) le caratterizzazioni elettriche dei primi prototipi funzionali.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • MARCHI &amp
    • PARTNERS S.r.l.

    Departments

  • ELISE - Environment Live Sensing, (2014-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • AIZOON SRL

    Departments

  • IP-OWIT: Internet Protocol for Organic Waste Integrated Treatment , (2014-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Abstract

    Il progetto si propone di dimostrare l'uso della tecnologia ICT nell'ambito dell' IoT e del cloud per la raccolta di dati nel ciclo di raccolta differenziata dei rifiuti organici, dal punto di origine al punto di compostaggio o smaltimento al fine di produrre nuove informazioni utili ai vari stakeholder per migliorare il servizio stesso in termini qualitativi ed economici

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • AL.MEC SRL

    Departments

  • IoTbevo, (2014-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • SMAT S.p.A. - TORINO -

    Departments

  • RIBES - PROGETTAZIONE E SVILUPPO DI UNA FAMIGLIA DI SENSORI OTTICI PER LA DETERMINAZIONE DI PARAMETRI DI QUALITÀ E SICUREZZA NELLE ACQUE POTABILI., (2014-2016) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Ministero dello Sviluppo Economico
    • MICROLA OPTO ELECTRONICS SRL
    • INFORMATICA SYSTEM S.R.L.
    • POLITRONICA INKJET PRINTING S.R.L.
    • CHEMIRICERCHE

    Departments

  • High Performance Manufacturing, (2014-2017) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - FAR

    Abstract

    Il progetto mira a soddisfare l’esigenza delle imprese del settore della macchina utensile consistente nel raggiungere prestazioni sempre più elevate dal punto di vista della qualità di lavorazione e flessibilità di utilizzo, nel ridurre la percentuale di scarti e i costi derivati da inefficienze di produzione, nell’aumentare la produttività senza inficiare la qualità, ma anche nel ridurre i consumi ottimizzando il comportamento energetico della macchina.Saranno affrontate le seguenti tematiche: sviluppo ed applicazione di metodologie orientate al miglioramento di macchine e processi; centri di lavoro e componenti ad elevate prestazioni e costi ridotti; data fusion per la supervisione di sistemi flessibili; elevate prestazioni nei sistemi per la deformazione della lamiera; sistemi di produzione per il packaging ad alte prestazioni; soluzioni performanti per la fabbricazione additiva e di micro/nano sistemi, realizzazione di linee customizzate per il collaudo di dispositivi mems

    Countries

    • ITALIA

    Departments

  • Progetto di formazione di ricercatori industriali per lo sviluppo di nuove tecnologie meccaniche e meccatroniche per high performance manufacturing (HPM FORMAZIONE), (2014-2017) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - FAR

    Countries

    • ITALIA

    Departments

  • THABOR - MODULI INVERTER A SEMICONDUTTORE CON INNOVATIVA TECNOLOGIA DI INTERCONNESSIONE AD ALTA AFFIDABILITÀ E CON ADOZIONE DI UNA NUOVA GENERAZIONE DI DIODI DI POTENZA AD ALTA EFFICIENZA, (2013-2015) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • FINPIEMONTE S.p.A.
    • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE
    • VISHAY SEMICONDUCTOR ITALIANA SPA

    Departments

  • BILOBA - BLOCH ELECTROMAGNETIC SURFACE WAVE BIO-SENSORS FOR EARLY CANCER DIAGNOSIS, (2012-2015) - Responsabile Scientifico

    UE-funded research - VII PQ - COOPERATION - ICT

    View project record on CORDIS

    Abstract

    BILOBA aims to develop and pre-clinically validate a multifunctional point-of-care platform capable of performing real-time cancer biomarker detection in a tandem configuration. The configuration exploits a label-free detection based on the resonance shifts, and the spectral analysis of enhanced fluorescence emitted by biomolecules immobilized on the surface. Utilizing both labeled and label-free analysis on one sensor increases the sensitivity and the reliability of optically read-out surface bound assays.The standard optical label-free detection is the surface plasmon resonance (SPR) method. Its sensitivity suffers from the strong absorption of waves bound to the metal surface. Here, a similar concept, already at the proof of principle stage, will be advantageously implemented by applying the unique properties of Bloch Surface Waves (BSW) sustained on 1D Photonic Crystals (1DPC). Therein, a surface wave without absorption is excited, giving rise to an enormous narrowing of resonances and an associated increase in sensitivity. Furthermore, fluorescence enhancement due to near field effects will be exploited. By engineering the BSW dispersion both detection schemes will be combined.The goal of the project is to explore, design, and set-up BSW systems optimized for analytical sensing, and develop a corresponding analytical instrument. Immobilization protocols and biochemical assays have to be established for optimizing the binding site surface density and for detecting the target biomarkers. The development of a sophisticated, robust fluidic system to ensure a high signal-to-noise ratio even in the case of lowest analyte concentrations accompanies this work.The results will be applied to early cancer biomarker analysis by validating the project's results in pre-clinical tests. The target application is the detection of Angiopoetin1 and Vascular Endothelial Growth Factor with these proteins being indicative of angiogenesis associated to human cancer progression.

    Countries

    • Regno Unito
    • Germania
    • Italia
    • Francia

    Institutes/Companies

    • IMPERIAL COLLEGE OF SCIENCE TECHNOLOGY AND MEDICINE
    • FRAUNHOFER GESELLSCHAFT ZUR FOERDERUNG DER ANGEWANDTEN FORSCHUNG E.V.
    • UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO
    • HORIBA FRANCE SAS
    • LABOR SRL
    • POLITECNICO DI TORINO
    • KDS RADEBERGER PRAZISIONS-, FORMEN- UND WERKZEUGBAU GMBH
    • BIOTRAY

    Departments

  • SMASH GAMING - SENSORE MINIATURIZZATO PER L'ANALISI E IL SENSIGN DI H2S E ALTRI GAS TOSSICI MEDIANTE INTEGRAZIONI DI NANOSTRUTTURE, (2012-2014) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Regione Piemonte
    • NOVASIS INNOVAZIONE SRL

    Departments

  • TARGET - TECNOLOGIA E RICERCA GENERANO TRASFERIMENTO, (2012-2014) - Responsabile Scientifico

    National Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE
    • I3P SOCIETA' PER LA GESTIONE INCUBATORE DI IMPRESE DEL POLITECNICO S.C.P.A.
    • Ministero dello Sviluppo Economico
    • UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO S.p.A.

    Departments

  • WINFIRE - FINESTRE ELETTROCROMICHE E ANTIFIAMMA PER L’EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI, (2012-2014) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Regione Piemonte
    • GALLINA

    Departments

  • VERDE-PIEZO - DA VIBRAZIONI AD ENERGIA CON DISPOSITIVI ECO COMPATIBILI PIEZOELETTRICI, (2012-2014) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Regione Piemonte
    • AVIOSPACE SRL

    Departments

  • NANOSISTEMI AVANZATI PER UNA NUOVA ONCOLOGIA MOLECOLARE (NEWTON), (2012-2016) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - FIRB

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO
    • UNIVERSITA' DI FERRARA
    • Universita' degli Studi di Genova
    • Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro - ONLUS
    • C.N.R. - CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE
    • UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI 'FEDERICO II'
    • MIUR MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA
    • OLIVETTI - JET S.p.A.
    • DISMIC - DIPARTIMENTO DI SCIENZA DEI MATERIALI E INGEGNERIA CHIMICA DEL POLITECNICO DI TORINO
    • FONDAZIONE BRUNO KESSLER
    • ISTITUTO EUROPEO DI ONCOLOGIA (IRCCS)

    Departments

    • Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica
  • NANOMAX - SVILUPPO DI UNA PIATTAFORMA INNOVATIVA MINIATURIZZATA E COMPLETAMENTE AUTOMATIZZATA PER DIAGNOSTICA MOLECOLARE MULTIPARAMETRICA, (2012-2014) - Responsabile Scientifico

    National Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Universita' degli Studi di Genova
    • Fondazione IIT - Istituto Italiano di Tecnologia
    • UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO
    • MIUR MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ E RICERCA

    Departments

  • BIO_MICROFAB - PIATTAFORMA DI INTEGRAZIONE MULTISENSORE PER APPARATI DI MECCATRONICA, (2010-2012) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Poli di Innovazione

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • HEXACOM SRL

    Departments

    • Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica
    • Dipartimento di Meccanica
  • APPLICAZIONE DELLE NANOTECNOLOGIE PER L'AUMENTO DELLA COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE, (2006-2007) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research - Docup Piemonte

    Abstract

    IL PROGETTO È VOLTO A FAVORIRE LA COMPETITIVITÀ DEL TESSUTO PRODUTTIVO DELLE AREE 2 DELLA PROVINCIA DI CUNEO, PROMUOVENDO LA RICERCA APPLICATA PRE-COMPETITIVA NEL CONTESTO DELLE NANOTECNOLOGIE E DELL'INNOVAZIONE TECNOLOGICA.

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • PROVINCIA DI CUNEO
    • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE
    • CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI CUNEO
    • TECNOGRANDA S.p.A.
    • FINGRANDA SPA

    Departments

    • Dipartimento di Scienza dei Materiali e Ingegneria Chimica
    • Dipartimento di Fisica
    • Dipartimento dei Sistemi di Produzione ed Economia dell'Azienda
  • Realizzazione e caratterizzazione di strutture MEMS per applicazioninel campo della genomica e proteomica, (2006-2008) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - PRIN

    Abstract

    Realization and characterization of MEMS structures for genomic and proteomic applications

    Countries

    • ITALIA

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • BIOSENSORI MEMS E NEMS INTEGRATI PER ANALISI GENOMICA, PROTEOMICA E MOLECOLARE, (2005-2008) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO
    • Regione Piemonte
    • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • BIOSENSORI E INTERAZIONE NEURONI-SUPERFICI NANOSTRUTTURATE, (2005-2008) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO
    • Regione Piemonte
    • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • LATEMAR - LABORATORIO DI TECNOLOGIE ELETTROBIOMEDICHE MINIATURIZZATE PER L'ANALISI E LA RICERCA, (2005-2009) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - FIRB

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITA' DI BOLOGNA
    • POLITECNICO DI TORINO - AMMINISTRAZIONE CENTRALE
    • TIM S.P.A.
    • Fondazione Telethon
    • TECNOBIOMEDICA S.p.A
    • MUR MINISTERO DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA
    • BIODIVERSITY S.R.L.

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
    • Dipartimento di Elettronica
  • MICROTECNOLOGIE ICT PER LA REALIZZAZIONE DI DISPOSITIVI BIOMEDICALI AD USO DIAGNOSTICO E TERAPICO, (2004-2005) - Responsabile Scientifico

    Regionally funded research

    Countries

    • ITALIA

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • Messa a punto di tecnologie per la realizzazione di nanostrutture magnetiche per dispositivi con architetture quantizzate, (2003-2005) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - PRIN

    Abstract

    Development of technologies for the realization of magnetic devices based on nanostructures with quantum architectures.

    Countries

    • ITALIA

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • Realizzazione, caratterizzazione e modellizzazione di Cristalli Fotonici bi e tri-dimensionali a base di Silicio, (2002-2004) - Responsabile Scientifico

    Nationally funded research - PRIN

    Abstract

    Fabrication, characterization and modeling of 2D and 3D Si-based Photonic Crystals

    Countries

    • ITALIA

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • View more

Funded by commercial contracts

  • EWQ - Electronic Warfare Quantum, (2022-2024) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • MINISTERO DELLA DIFESA - SEGREDIFESA - Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri - NETTUNO Servizio Amministrativo

    Departments

  • Memorandum of Understanding between the Politecnico di Torino - DISAT and the Indonesian Institute of Sciences concerning research and capacity building cooperation., (2020-2023) - Responsabile Scientifico

    Departmental agreements

    Countries

    • INDONESIA
    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Indonesian Institute of Sciences
  • Convenzione Dipartimentale tra il Politecnico di Torino Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia - DISAT e la Fondazione Bruno Kessler, (2019-2024) - Responsabile contrattuale

    Departmental agreements

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • FONDAZIONE BRUNO KESSLER
  • Protocollo d’intesa tra il Politecnico di Torino e la Marina Militare – Centro di supporto e Sperimentazione navale della Marina Militare (C.S.S.N) per una collaborazione in attività di ricerca, (unknown date-unknown date) - Responsabile Scientifico

    Agreements

    Abstract

    Atto non concluso

    Countries

    • ITALIA
  • Analisi Imaging AFM di strutture 3D a base Carbonio” - OdL 01_2020, (2020-2020) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • VERSALIS SPA

    Departments

  • Supporto per lo sviluppo di Semiconduttori di Potenza, (2020-2022) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • VISHAY SEMICONDUCTOR ITALIANA SPA

    Departments

  • In Pipe permanent inspection robot (Robopipe), (2019-2019) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • ENI S.p.A.

    Departments

  • Atto aggiuntivo all’accordo di partnership n. 1348/2007 tra Politecnico di Torino e Vishay Semiconductor Italiana S.p.A. per attività di ricerca e formazione, (2019-2022) - Responsabile Scientifico

    Partnership Agreements

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • VISHAY SEMICONDUCTOR ITALIANA SPA
  • Studio e sviluppo del processo di elettrospinning per la realizzazione di sensori (temperatura, pressione, battito cardiaco, pressione arteriosa etc.) da distribuire sul tessuto del sedile e parti interne del settore automotive, (2018-2020) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • MARTUR ITALY SRL
    • MICROLA OPTO ELECTRONICS SRL

    Departments

  • Studio e sviluppo di materiali in forma di aerogel per applicazione in ambito automotive, (2018-2020) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • SABELT S.p.A.

    Departments

  • Protocollo di Intesa tra Poltiecnico di Torino e Fondazione E. Amaldi finalizzato alla creazione di un laboratorio multidisciplinare denominato "KETLab", (2018-2020) - Personale interno di riferimento

    Memoranda of Understanding

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • Fondazione E. Amaldi
  • STUDI FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI DI FABBRICAZIONE ED AL MONITORAGGIO DELLA QUALITA’ DEI CONTENITORI IN VETRO PER FARMACI, (2018-2021) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • SOFFIERIA BERTOLINI SPA

    Departments

  • SOFT ARM3 - Studio di fattibilità per lo sviluppo di componenti per braccio robotizzato HT/HP, (2018-2018) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • ENI S.p.A.

    Departments

  • Simulazione Ottica con ray tracing, e simulazione fem interazione luce-polimero, (2018-2019) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • MICROLA OPTO ELECTRONICS SRL

    Departments

  • Caratterizzazione fisica e dei processi necessari alla fabbricazione di dispositivi di potenza (Diodi, IGBT e Moduli) per applicazioni Automotive e in pecifico per la ricarica veloce di batterie per Veicoli Elettrici o Ibridi., (2017-2020) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • VISHAY SEMICONDUCTOR ITALIANA SPA

    Departments

  • Convenzione operativa della convenzione quadro tra l'Istituto dei Materiali per l'elettronica ed il magnetismo (IMEM) del Consiglio Nazionale delle ricerche e il Politecnico di torino - DISAT, (2016-2021) - Responsabile Scientifico

    Agreements

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE - ISTITUTO DEI MATERIALI PER L'ELETTRONICA E IL MAGNETISMO (IMEM)
  • CARATTERIZZAZIONEE SIMULAZIONE OTTICA DI SORGENTI LASER A STATO SOLIDO , (2014-2009) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • MICROLA OPTO ELECTRONICS SRL

    Departments

  • HP-HT DOWNHOLE MICRO ELECTRO MECHANICAL SYSTEM, (2013-2017) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • ENI S.p.A.

    Departments

  • PROGETTAZIONE MICROFLUIDICA E MICROELETTRONICA, (2013-2013) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • LAMP SRL

    Departments

  • STUDIO E REALIZZAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEL PROCESSO DI SALDATURA LASER DI PARTICOLARI PLASTICI, (2012-2012) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • FINDER S.p.A.

    Departments

  • MEVAL: MEMS E VARIABILI LATENTI, (2012-2012) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • NOVASIS INNOVAZIONE SRL

    Departments

  • STUDIO DI INCHIOSTRI CONDUTTIVI PER CELLE SOLARI INORGANICHE, (2012-2013) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • ENI S.p.A.

    Departments

  • ANALISI DEI PROCESSI PRODUTTIVI PER TESTINE A GETTO DI INCHIOSTRO ....., (2012-2012) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • INCAS S.p.A.

    Departments

  • HOLOGRAPHIC LASER PATTERNING, (2012-2013) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • R&amp
    • F S.r.l.

    Departments

  • REVISIONE PROCESSI PRODUTTIVI, (2012-2012) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • INCAS S.p.A.

    Departments

  • INDIVIDUAZIONE E SVILUPPO DI TEMI DI RICERCA DI BREAKTHROUGH, (2011-2011) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • ENI S.p.A.

    Departments

  • CARATTERIZZAZIONE PROCESSI TECNOLOGICI IN DISPOSITIVI ELETTRONICI ATTRAVERSO L'UTILIZZO DI TECNICHE FESEM E XPS PARTNERSHIP, (2011-2013) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • VISHAY SEMICONDUCTOR ITALIANA SPA

    Departments

  • ELECTROCHROMIC MULTIFUNCTIONAL SMART-FILMS FOR ENERGY SAVING, (2011-2014) - Responsabile Scientifico

    Commercial Research

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • IONVAC PROCESS S.R.L.

    Departments

  • REALIZZAZIONE DI UN PROTOTIPO DI MICRORELAY A SCHIERA PER COMMUTAZIONI MULTIPLE BASATO SU TECNOLOGIE MEMS, (2009-2009) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • RIBES RICERCHE SRL

    Departments

  • SVILUPPO DI UN PROTOTIPO PER LA PRODUZIONE DI NANOPARTICELLE LIPIDICHE SOLIDE BASATO SU TECNICHE DI MICROFLUIDICA APPLICATA ..., (2009-2010) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • NANOVECTOR SRL

    Departments

  • ESAME DI RELAZIONI TECNICHE RIPORTANTI ATTIVITÀ SVOLTA DA AZIENDE ASSISTITE DALLA SOCIETÀ FIN SERVICE O ASSISTITE DA SOCIETÀ DA ESSA CONTROLLATE ....., (2007-2008) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • GRUPPO FINSERVICE S.P.A.

    Departments

  • PROTEINN PROGETTI P.M.I. MICROLA OPTOELECTRONICS - NANOVECTOR E MUST, (2007-2008) - Responsabile Scientifico

    Consulting

    Countries

    • ITALIA

    Institutes/Companies

    • COREP-CONSORZIO PER LA RICERCA E L'EDUCAZIONE PERMANENTE

    Departments

    • Dipartimento di Fisica
  • View more